venerdì 4 gennaio 2013

GIALLETTI_ i biscotti alla farina di mais e uvetta

Buongiorno,

Io sto continuando a biscottare, altre serate tra amiche davanti ad una tazza di tè, nuovi biscotti :)
Oggi, bel venerdì di sole, abbiamo deciso di accendere il forno a legna. Non potevamo mancare all'appuntamento dei sabadoni. Anche se quest'anno le castagne secche scarseggiano ed hanno davvero prezzi alle stelle qualche sabadone verrà infornato lo stesso, è il momento di mettere all'opera  la saba preparata a settembre sotto le direttive di mia nonna :) 
Passiamo alla ricetta. Come vi avevo anticipato due post fa oggi si parla di gialletti, o zaletti. Questi biscotti  già schedati nel mitico libro di Pellegrino Artusi, sono di origine veneta, preparati con gli ingredienti più poveri della tradizione contadina: farina gialla, uova e uvetta. Era da un pò che facevo il filo a questi biscotti. Adoro la la farina di mais, il suo sapore e la sua consistenza rustica si sposa davvero bene anche con le ricette dolci. Ecco qua i miei gialletti, chissà potrebbero anche essere graditi dalla befana...




ingredienti
300g di farina di mais a grana fine
100g di farina 00
150g di uvetta
2,5dl di latte
100g di burro
200g di zucchero
3 uova +1tuorlo
150g di pinoli
la scorza di 1 limone
zucchero a velo
sale
liquore mandorla amara

come prepararli
Fate ammollare l'uva passa in acqua tiepida insieme a qualche cucchiaio di mandorla amara. In una casseruola fare bollire il latte con il burro, lo zucchero semolato e una presa di sale, incorporare le farine cercando di evitare la formazione di grumi e lasciare sul fuoco per 5 minuti continuando a mescolare fino a quando non avrà la consistenza di una polenta morbida, spegnere e fare intiepidire.
scolare e asciugare l'uva passa con carta assorbente da cucina.
Unire le uova sbattute con la frusta, l'uva passa, la scorza di limone, gratuggiata, il lievito, l'uva passa continuando a lavorare l'impasto fino a renderlo omogeneo. ( io ho mescolato tutto con una frusta ).
Ricoprire una teglia con la carta da forno e con l'aiuto di un cucchiaio e cucchiaino formare delle quenelle lunghe 5-6cm , posizionarle sulla teglia con una certa distanza . cuocete i biscottini a 180° per 20 minuti.sfornarli e lasciarli raffreddare, a piacere spolverizzare con lo zucchero a velo.

PS. Ideali da  affondare in un bel bicchierino di vinsanto!
PS ringrazio tutte per i consigli sul radiccchio.. i vostr commenti animano il mio blog!
Grazie davvero!
buon appetito!
Buon Weekeend
a presto,
vale

20 commenti:

  1. io li conosco come zaletti e sono buonissimi.
    Anche io continuerei a biscottare o a preparare golosità, ma qui bisogna pensare anche alla linea :(((
    intentanto te ne rubo uno
    un bacione

    RispondiElimina
  2. Ma che buoni Vale! La farina di mais nei dolci non l'ho mai provata ma la cosa mi incuriosisce ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. provala provala vale! a prestoooo!

      Elimina
  3. io li adoro da buona veneta! ma la mia ricetta e' abbastanza diversa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vale mi devi dare anche la tua ricetta allora che li voglio provare!!

      Elimina
  4. Cara..se i risultati sono questi..vai avanti tutta la vita a biscottare :) Che delizia !
    Un abbraccio !

    RispondiElimina
  5. Ottimi sia questi biscottini che i sabadoni (sono andata a sbirciarmeli!)
    Buon anno! :)

    RispondiElimina
  6. mi stra-piacciono questi biscottini...segno tutto e proverò!
    bacioni cara

    RispondiElimina
  7. non c'è niente di meglio di una serata tra amiche con un buon tè, se poi ci sono biscotti come questi, la serata è perfetta

    RispondiElimina
  8. buonissimi vale!!! uno stramegaabbraccio!!

    RispondiElimina
  9. Buoniiiii :) Li ho mangiati qualche volta da piccola e mi sono rimasti nel cuore, devo assolutamente farli! Complimenti e grazie per la ricetta :) Un abbraccio, buon weekend! :**

    RispondiElimina
  10. Che belli!! mai visti nè assaggiati, ma in effetti non so molto sulla cucina veneta.. però sembrano davvero ottimi, e poi hai ragione, la farina gialla dà un gusto unico ai dolci! Ciao!

    RispondiElimina
  11. Certo che la befana gradisce:)
    non li conoscevo, ma delle tradizioni venete in effetti non so molto!
    A presto:**

    RispondiElimina
  12. bravaaaa ottimo abbinamento farina di mais e uvette! mi ricordano tanto un tipo di biscotto che prepara la mia mamma, ma questa è una versione che non conosco! da annotare!!! a presto!!

    RispondiElimina
  13. Une belle gourmandise pour commencer l'année...que je te souhaite belle, riche, gourmande et très très heureuse !
    Belle nuit !
    bises

    RispondiElimina
  14. la saba preparata seguendo le direttive della nonna non ha prezzo :-))
    gran bei biscotti complimenti

    RispondiElimina
  15. Pure io continuo a biscottare Vale ahhahah Nemmeno che ne avessi mangiati pochi di dolci in qusti giorni mannaggia ;-) Eh del resto se son buoni così come si fa a smettere? ehhehe BAcioni

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails