giovedì 18 settembre 2014

Mini burger alle lenticchie

Oggi si Parla di mini burger Veg. 
Tra tutti gli esperimenti fatti fin ad ora  questa è la mia ricetta preferita. 
Ringrazio Alice per averla condivisa sul suo blog  Kitchen Bloody Kitchen. Se siete appassionati di cucina vegan vi consiglio vivamente di fare un giretto nel suo angolino.
Perché mi sono piaciuti così tanto?   Grande quantità di verdure che conferiscono una consistenza soffice ed  un gusto molto delicato dovuto alla presenza di zenzero e sesamo :)
Ho volutamente eliminato l'aglio dagli ingredienti perché ho problemi di digestione, ma con anche questo aroma aggiunto devono aver ancora una marcia in più.. 
Le provate anche voi per cena?



Cosa serve
80g di lenticchie secche
250g di zucchine
250g di cipolle
70g di farina di mandorle
250g di carote
40g di sesamo tostato
100g di pane grattugiato
50g di zenzero fresco o qualche cucchiaio di zenzero in polvere
aglio a piacere
sale
olio evo
pepe nero






































Come fare
Lessare le lenticchie per circa 20 minuti e lasciarle raffreddare.
Lavare le verdure e grattugiarle, metterle in un colino, salarle e fare eliminare l'aqua di vegetazione.
Soffriggere in una padella la cipolla insieme all'olio e lasciare raffreddare (a piacere si può aggiungere anche l'aglio tritato). Tritare con il mini pimer le lenticchie aggiungere la farina di mandorle, il soffritto, le verdure strizzate, lo zenzero, il sesamo e circa 100g di pan grattato. Regolate le dosi del pane in modo da ottenere un composto malleabile. Salare, pepare e lasciare riposare in frigorifero per almeno mezz'ora. 
Dividere l'impasto in tante palline grandi poco più di una noce e creare i mini burger.
Cuocere i burger nella padella calda a fuoco medio con il coperchio per circa 10 minuti per lato.
Non prendetevi paura perché durante la cottura tendono a rimanere molto morbidi ma prendono consistenza appena si raffreddano.

Vi assicuro che sono buonissimi, buon appetito,
A presto!
Vale

giovedì 11 settembre 2014

GELATO WORLD TOUR FINALE 2014 RIMINI

Oggi nessuna ricetta, ma orecchie all'ascolto, si parla di un tour davvero goloso!
Un nuovo viaggio alla scoperta del gelato artigianale tra ingredienti, cultura, tradizione ed arte:  
la finale di Gelato World Tour

1.Le mille e una merenda 2.Torta di noci Pecan del Texas  3.Saporti d'oriente  4.Miele con gnocchetti di pain d'epices,cannella,burro e parmigiano


Mi sono subito sentita a casa nel parco Fellini di Rimini. Sole splendente, atmosfera conviviale, eleganti stand carichi di gelato, maestri gelatai con un sorriso a 44 denti desiderosi di farti assaggiare il proprio gusto e tanti assaggiatori di gelato qua e là.

Anche in quest'occasione il gelato si svela come un'alimento magico, un vero e proprio elemento di aggregazione sociale. L'aria che si respirava tra i finalisti era quella di una festa colma di convivialità. Ad aumentare la carica sono stati i clienti più fedeli delle gelaterie che da diverse parti del mondo  hanno inseguito il proprio gusto preferito per accompagnarlo sul podio. Oltre a ciò, l'assalto degli assaggiatori e l'interesse nello studiare attentamente tutti e i 24 gusti in anticipo già sul flayer per scovare davvero il gusto più buono del mondo, ha contribuito ad allietare l'atmosfera sulla piazza.
Insieme ad un team di foodbloggers, guidato da Michela Iorio dello staff Carpigiani,  ci siamo lanciati anche noi nel testing tour con l'obiettivo di provare tutti e 24 gusti e votare il migliore :)
Tra gli stand erano presenti tutti e 24 i finalisti delle tappe di Gelato World Tour che si sono svolti nell'ultimo anno tra Roma, Dubai, Berlino, Melbourne, Austin..
E' stato bello vedere come in ogni paese il gelato è rielaborato ed arricchito con gli ingredienti più pregiati e tradizionale, ricette nate tra usanza fantasia e suggerimenti dei clienti.
Petali di Rosa di Ahmed Abdullatif ,  Pavlova di Diana Kontoprias, l noci Pecan della gelateria Teo in Texas , Profumi di Sicilia di Stefano Versace e altri 20 gusti altrettanto golosi..

1.Diana Kontoprias(AU) Alessandro Lancierini (IT) 2.Salavatore Boccarossa (CA) Sam Crowl (AU) 3.Ahmed Abdullaitif (Bahrain) 4. Mattew Lee (USA)

Quali gusti sono rimasti nel mio cuore?

MANDORLA AFFOGATO (australia) di John e Sam Crowl,  (il gusto vincitore!!)
una base alla vaniglia della madagascar con mandorle al caffè tostate  e caramellate, intensa dolcezza equilibrata dal profumo del caffè del Kenia e una salsa al caramello salato..
cuorisità : simpaticissima  la mascotte Kangaroo che accompagnava i due maestri gelatai


SAPORI D'ORIENTE (germania) di Adriano Colle,
gusto raffinato che unisce ad una crema di yogurt i sapori decisi del cardamomo e la cannella insieme a pistacchio e cioccolato pur rimanendo nel complesso bilanciato e con sapori distinguibili
curiosità : è stato interessante scoprire come il maestro gelataio abbia messo appunto il gusto insieme ai clienti della gelateria in Allgau 

TORTA DI NOCI PECAN DEL TEXAS (texas) di Matthew Lee,
gusto in cui si sposano gli ingredienti più prelibati e tradizionli del Texas, Noci Pecan e una salsa al caramello fatta con la vera ricetta tradizionale e la giusta dose di buon Whisky..
curiosità : la gelateria Teo è situata in un'alta torre del Texas 

ulteriori informazioni
http://www.gelatoworldtour.com/it/
http://www.carpigiani.com/
http://mygelato.it/
 

Incurisiti?
Farete parte degli assaggiatori anno prossimo?
A presto,
Vale

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails