lunedì 10 giugno 2013

Frittata con foglie di ravanello e gambuccio in cocotte

Scusate ogni tanto sparisco ma poi ritorno, promesso!  
La scorsa settimana leggende metropolitane su date e regolamenti dell'esame di stato mi hanno portato a studiare intensamente, ma ieri sera ho finalmente avuto tempo di cucinare, non potevo mancare all'appuntamento!
Non vedevo l'ora di mettermi ai fornelli quando mi è stato proposto di partecipare al contest SMARTCOOKING organizzato in collaborazione con Parmigiano Reggiano. I principi proposti dal contest riflettono pienamente il reale modo di vivere dei nostri nonni e della tradizione contadina, tanto caro per me e per le ricette che si trovano già sul mio blog. 
Beh, io ho già fatto tesoro di molti trucchi e principi trasmessi in famiglia, ma non se ne impara mai abbastanza..quindi andrò subito a sbirciare le ricette pubblicate.
All'ultimo minuto mi sono messa in gioco preparando una Frittata con foglie di ravanello e gambuccio in cocotte, semplice ricetta per dimostrare che anche senza fare la spesa ogni giorno si può preparare una "cenetta di classe". 

Nelle cocottine: Si RIUSA il saporito gambuccio che avanza quando il prosciutto è terminato, Si RIDUCE, beneficiando della vitamina B e delle proprietà depurative presenti nelle foglie di ravanello avanzate dal pinzimonio, Si RISPARMIA utilizzando le uova del contadino prodotte di fianco a casa, Si RIFLETTE insaporendo la frittata con una manciata di Parmigiano Reggiano grattugiato avanzato dal pranzo in frigorifero. 


cosa serve
per 4 persone
4 mazzi di foglie di ravanello 
100g di gambuccio 
5 uova del contadino 
50 g di parmigiano grattugiato 
Burro q.b. 
Sale 
Pepe

come fare
Imburrare una coccottina di medie dimensioni. Lavare accuratamente le foglie di ravanello e tagliarle a strisce. Sgrassare il gambuccio, privarlo di eventuali residui di cotenna e tagliarlo a quadretti. In una padella anti aderente fare rosolare il gambuccio, quando sarà lucido aggiungere le foglie di ravanello e fare cuocere per qualche minuto continuando a mescolare. Lasciare raffreddare e nel frattempo in una ciotola sbattete le uova, aggiungete il grana, salate e pepate. Incorporate al composto di uovo il gambuccio e le foglie di ravanello e mescolare. Riempite la coccottina per ¾ e infornate per circa 20 minuti a 180°. Servire insieme ad una insalata mista. 

 


Buon appetito e riciclo!
A presto,
Vale

24 commenti:

  1. Le foglie di ravanello le riutilizzo spesso anche io, per esempio nel risotto...ma nella frittata non le avevo mai messe...fino ad ora! :)
    Complimenti cara, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah allora prossima volta le metto nel risotto! :) :) a presto manu!

      Elimina
  2. Bella ricetta e bel blog!! Da oggi ti seguo mi unisco ai tuoi sostenitori, se ti va passa a trovarmi, Clementina.

    RispondiElimina
  3. Vale questa frittata mi piace tantissimo, proprio come mi piace da sempre il tuo blog ^_^
    un bacione grande cara :)

    RispondiElimina
  4. sei tornata alla grandissima!!!

    RispondiElimina
  5. Ma pensa quante se ne scoprono... grazie per questa idea!
    Ma lo sai che le ho sempre buttate quelle foglie? Ma da oggi in poi... saprò che farci!
    Grazie davvero per la ricetta! Ciao ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa proprio piacere!! Non si impara mai abbastanza 😊 a presto!

      Elimina
  6. non solo la cenetta è di classe, ma la spiegazione dell'iter di eseguzione è lodevole! grandissima :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :) davvero! mi fai arrossire :P

      Elimina
  7. Il gambuccio è la parte che preferisco del prosciutto! Sì lo so sono strana, ma a me piace proprio tanto la sua scioglievolezza! Non posso quindi non provare la tua frittata :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora si, con questa frittata vai sul sicuro!!! fammi sapere :)

      Elimina
  8. Ciao Valentina! grazie per il tuo commento e complimenti per questa idea di ricetta. amo le frittate ma non le avevo mai fatte così e confesso che non so nemmeno cosa siano il gambuccio di cocotte.. che vergogna ;-)
    ho visto che forse ci sarai a Firenze, bene!
    un abbracio!
    ps risulto già iscritta da una vita a questo blog ma ho problemi con letture su blogger per cui non vedo tutti i blog. ti seguo su google+ che è meglio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie vaty, che carina!!!! :) non preoccuparti oltre ad essere superriciclosa questa ricetta è anche un po romagnola.. (il gambuccio è una parte del prosciutto.. quella che di solito è molto morbida e nn si riesce ad affettare)
      si,spero proprio di esserci a firenze, non vedo l'ora!!! grazie :) a presto :)

      Elimina
  9. Forse non dovrei dirlo, ehehe, ma ho sempre un pò di problemi a far rigirare la frittata... e poi adoro le cocotte e la cottura in forno, quindi grazie a questa tua ricetta ho trovato la soluzione ideale per me! :-)

    Credo di averti lasciato tempo fa un commento lodando il disegno/logo del tuo blog... lo confermo adesso, è bellissimo con quel gattino sul barattolo!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si con la frittata al forno si risolvono molto problemi, meno olio e nn c'è il problema di rigirarla :)
      grazie mille che carina #lovecats
      a presto!!
      vale

      Elimina
  10. Beh Vale, direi che con questa ricetta hai fatto centro! :D
    Ti mando un abbraccione! :)

    RispondiElimina
  11. Ciao valentina! che buona!!! brava brava!!

    RispondiElimina
  12. E pensare che io le foglie dei ravanelli le butto via!!!! Guarda che delizia ne hai ricavato!!! Complimenti

    RispondiElimina
  13. Niente di meglio di una frittata così invitante e saporita!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  14. Mi sembra un'ottima filosofia in cucina ed anche il risultato finale lo conferma pienamente.

    Fabio

    RispondiElimina
  15. ciao Valentina! :) sbircio anch'io e ti seguo! Baci :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails